those untranslatable words

Those untranslatable words that teach us how to travel better
by Brian Johnston

Anyone who enjoys travel should appreciate the Dutch word voorpret. Literally translated as „pre-fun“, voorpret refers to the pleasant anticipation of a forthcoming event. Yet it’s more than just looking forward to something, in which the focus is on the future. It’s more about the here-and-now pleasure that comes in the preparation.

Surely there’s no keener manifestation of voorpret than preparing for a journey. Pleasure can be found in the turn of pages in a holiday brochure, in reading guidebooks, in planning what you’re going to see and where you’re going to eat. When I first started travelling, my voorpret would last for months. As a university student heading to Greece, I surrounded myself with maps and history books, read novels set in Greece, plotted which islands I was going to visit.

As my life became busier, the voorpret dwindled. And as travel information moved online and became ever more ubiquitous and readily available, I began to do my research on the hoof. It was easier to check out local restaurants online a half-hour before dinner, or details of the Parthenon’s architecture even as I sat beneath its columns. Eventually, though, I realised anticipation had been sacrificed. The pre-fun had been lost, and my life was a little less rich.

It was coming across the Dutch word that reminded me something was missing. Since discovering it, I’ve taken time once more for some old-fashioned preparation. I was in Greece again this year, and before I went, dug out my old history books. I reread Captain Corelli’s Mandolin and took the time to study the difference between Doric and Ionic columns. I enjoyed Greece twice, once in my head before I went and again when I was there.

There are other foreign words that might teach us how to travel better. They’re often described as untranslatable, which isn’t really true – although it might take a few sentences to explain their subtleties. Nor do I believe that foreigners are graced with special insights. The Japanese aren’t the only people who can appreciate filtered sunlight through trees, even if they have the special word komorebi to describe it. Such joys are universal.

Still, what strikes you when you travel and tune into language is the ways in which that language is used to shape thought. Paying attention to concepts that lack easy English words gives you an insight into another society’s philosophy and aesthetic sensibility, and the qualities it particularly values. In the last few years, whole self-help industries have arisen around concepts such as hygge (Danish cosiness), lagom (Swedish just-enough-ness) and Marie Kondo’s joy-sparking tokimeku, a word more commonly used to mean „flutter“ or „throb“.

Few people are associated with esoteric words as much as the Japanese. Their language abounds with clever philosophical vocabulary to make you marvel, such as wabi-sabi (the beauty to be found in impermanence or imperfection) and omotenashi, the philosophy of thoughtful, considerate acts that results in the country’s impeccable customer service. It could be that we all travel in search of ukiyo, literally a „floating world“ in which we live in the moment, detached from life’s worries.

But what can we learn from such terms? Perhaps to sit a moment longer in contemplation of the cherry blossoms, which erupt in such beauty yet die so suddenly. Perhaps to get up early, step outside and listen to early birds sing, an experience for which Swedish provides the word gokotta. Perhaps to indulge in spontaneous urban meandering that leads to pleasant discoveries, which the French call a derive or „drifting'“.

Certain cultures share certain concepts, and we’d do well to enfold ourselves in them while travelling. Only in dark, chilly northern nations can you really appreciate the almost existential nature of cosiness encapsulated in the German word Gemutlichkeit, hygge and a dozen others. This isn’t just the creation of a warm atmosphere of crackling fires, candlelight and wood-carved interiors. It’s about appreciating rustic simplicity, tradition, the company of family and friends. If you sit in a posh, minimalist Copenhagen hotel room watching CNN or checking your work emails while on holiday, that’s the antithesis of all that hygge stands for.

All humans understand hygge, but it’s hard to truly live it in a sunny climate. Similarly, there are Mediterranean rituals that just wouldn’t work on the Baltic, as you’ll discover if you join the passeggiata, the pre-dinner stroll along the main street in Italian towns. It’s a timeless ritual that involves dressing well, gossip with neighbours and aimless relaxation, and relies on a balmy climate. The Greeks call it the volta, the Portuguese passeio, the Spanish passeo.

The Spanish have the sobremesa too. It’s the after-lunch, mid-afternoon slump around cafe tables in sunny plazas, when the whole afternoon can drift away with drinks and conversation in the pleasant acceptance that life is about more than work. As a traveller, you can charge around all the cathedrals and palaces you want, but you haven’t soaked up Spain until you’ve wasted half a sobremesa day away.

Contrary to stereotypes, there are idle moments to be enjoyed elsewhere. The Germans have their Feierabend or „celebration evening“, a complete disconnect from the office for a moment of carefree, do-nothing wellbeing. The Dutch have their uitwaaien, a walk in the countryside that clears the mind. The Norwegians, admittedly, only occasionally get to enjoy an utepils, literally „outside lager“, a beer outdoors on a sunny day, especially the first sunny day of the year. It’s a niche word, but conveys all the particular joy of a blue-sky afternoon in a cold climate.

There are various niche activities that we all might enjoy, even if we don’t have a word for them. Who doesn’t secretly long to cast off their clothes in some uninhibited dancing? That’s mbuki-mvuki in Swahili, from which boogie-woogie is purportedly derived. Who doesn’t enjoy walking across warm sand (hanyauku)? That’s apparently a Kwangali word, though perhaps the Namibian who told me so was pulling my leg.

The Italians in particular must appreciate the pleasant drowsiness that overcomes you after a good meal, since they coined the word abbiocco to describe it. The Germans like the solitary feeling of walking alone in a forest, Waldeinsamkeit. And what is it about the Turkish mind that especially delights in light reflecting in water? That’s yakamoz, and can be used for anything from moonlight to the glitter of swimming fish.

Some words are ambivalent. I love the Swedish term resfeber for the fluttering mix of excitement and anxiety that might keep you awake before a journey. But is there a word for the sheer delight that sometimes overwhelms us after we’ve set off? Not that I know of. The upwelling of emotion encapsulated by the Arabic word tarab is usually used only in the context of music. The Spanish call it duende, the power of a performance to make your nape prickle or move you to tears. Such a feeling is what we want when we travel and occasionally find, whether at the Taj Mahal, the summit of a mountain or a wild-animal encounter.

Cherish those moments, though. The Italians may have a warning about attempting to recreate them. Going back to travel destinations where we were once particularly happy is a mission fraught with disappointment. The dismissive Italian phrase cavoli riscaldati (literally „reheated cabbage“), used to describe a doomed attempt to revive a love affair, might be applied. You visit a destination you loved in your youth but find both it and you have changed. You find traffic jams, a rash of souvenir shops and fast-food stores where once there were rice paddies and temples piled with pyramid offerings of fruit.

Who else but the Germans would have a word (Weltschmerz) for the feeling of sentimental sadness and world-weariness that seeps into you in such moments? The German language has all kinds of melancholy words for complicated thoughts. And some delightful ones, too. Like Fernweh, the longing for faraway places that might overcome you on a rainy winter’s day, and Sehnsucht, the yearning for something indefinable that can be evoked by anything, from the sound of waves on a shoreline to the lonely sight of birds flying overhead in a big sky. A lovely notion in any language.

Venezia backstage

Venezia non è solo una scenografia. È anche una città abitata, dove ci sono attività produttive, trasporti e servizi. Ma come funziona il „sistema Venezia“? Come si comportano le maree della laguna? Come sono fatti i rii? E le sponde? Cosa c’è sotto i palazzi? Venice Backstage, progetto nato da Insula spa braccio operativo del Comune per quanto riguarda la manutenzione urbana, racconta il „dietro le quinte“ di Venezia, per far apprezzare ancora di più la bellezza fragile di questa fantastica città.

Capodanno di Andrea

Siamo arrivati all’ultimo giorno di questo 2018 e per questo Capodanno non voglio augurare niente a nessuno e non devo augurare niente a nessuno.

Voglio dire grazie all’universo per aver reso quest’anno, per me, un anno pieno di emozioni.
Ho fatto cose che non avrei mai creduto di poter fare, ho conosciuto un sacco di persone meravigliose che mi hanno riempito l’anima anche se molti di loro non lo sanno.
Ho incontrato anime pure piene di vita.
Ho incontrato persone difficili ma speciali a modo loro.
Ho sopportato (pochissime) persone con cui non vorrei condividere nemmeno l’aria.
Ho trovato il mio posto nel mondo.
Ho amato, ma non parlo dell’amore di cui tutti parlano, ho amato davvero, ho amato la vita.
Ho rischiato di morire ma qualcuno ha deciso che devo ancora fare qualcosa qui.
Ho visto persone morire davanti ai miei occhi e mi sono posto tante domande.
Non finirò con l’augurare un anno pieno di felicità, spensierato e sereno perchè non sarà la frase costruita di una persona qualunque a far si che ciò accada.
L’unica cosa che vorrei, oggi e sempre, è che nonostante le disgrazie, la tristezza, i malumori, le delusioni, le sofferenze, le violenze, le bugie sopportate, la falsità, le ingiustizie che ognuno di noi incontrerà e dovrà affrontare, troviate tutti la voglia di sorridere e illuminare la vita.
Andrea, 
31 dicembre 2018

Google Italia 2018

Google Italia Jahresrückblick 2018

Parole
1 Mondiali
2 Sergio Marchionne
3 Cristiano Ronaldo
4 Fabrizio Frizzi
5 Grande Fratello

Eventi
1 Mondiali
2 Elezioni 4 marzo
3 Sanremo
4 Ponte Morandi
5 Giro d’Italia

Come fare…
1 Il back up
2 I pancake
3 Uno screenshot
4 Lo slime
5 Una tesina

Mete vacanze
1 Sardegna
2 Albania
3 Sicilia
4 Grecia
5 Croazia

Biglietti
1 Lotteria Italia
2 Roma – Liverpool
3 Vinitaly
4 Salone del Mobile
5 Eminem

Personaggi
1 Sergio Marchionne
2 Cristiano Ronaldo
3 Fabrizio Frizzi
4 Avicii
5 Davide Astori

Cosa significa…
1 Sessista
2 Ipovedente
3 LOL
4 Filantropo
5 Scopofobia

Perché…
1 Si festeggia l’8 marzo
2 I giocatori hanno un segno rosso in faccia
3 Fedez e J-Ax hanno litigato
4 Ilary Blasi ha la parrucca
5 Asia Argento non conduce più X Factor

Ricetta
1 Pastiera napoletana
2 Tiramisu
3 Carbonara
4 Colomba pasquale
5 Casatiello

il dio, gli dei / la dea, le dee

dèi: perché gli dèi e non i dèi? (corriere della sera)
Diciamo i deboli, i devoti, i deserti; ma perché allora gli dèi e non i dèi?
C’è nella nostra lingua la forma Iddio nata anticamente da il Dio, dove l’articolo s’è fuso col nome. La parola si scriveva anche con la i minuscola quando riferita alle divinità pagane: iddio con plurale iddíi e anche iddei. Di queste varie forme, solo Iddio con la maiuscola è ancora vivo nell’uso comune.
Tutto questo spiega la ragione dell’articolo gli anziché i davanti a dei: perché anticamente la parola era iddei: dunque gli iddei, come gli ideali, gli idranti, gli idiomi eccetera (vedi alla voce il oppure lo?). Ma caduto il gruppo iniziale id, l’articolo gli ha pensato bene di rimanere abusivamente al suo posto e non cederlo ad un i che sarebbe grammaticalmente più corretto. Ennesima dimostrazione che la lingua non la fanno i grammatici ma l’uso (e a volte il sopruso).

dio / dea (treccani)
Il femminile di dio è dea. A differenza del maschile (dal latino deum), il femminile – molto meno frequente nell’uso – è rimasto uguale alla base etimologica (latino deam).
Il plurale è per il maschile gli dei (non i dei), per il femminile le dee
gli dei dell’Olimpo, le dee dell’antica Grecia
Di solito il maiuscolo si usa soltanto in riferimento alle religioni monoteistiche; perciò dea viene sempre scritto minuscolo
il Dio di Giacobbe, il dio Marte, la dea Atena.

Antonello Venditti all’Arena di Verona

Domenica 23 settembre 2018 alle ore 21.00 concerto di Antonello Venditti all’Arena di Verona, dove il cantautore romano fa tappa col nuovo tour „Sotto il segno dei pesci 1978 – 2018“.
Sono passati 40 anni da quando Antonello Venditti pubblicava “Sotto il Segno dei Pesci”.
Questa manciata di canzoni di Antonello, ben prodotte da Michelangelo Romano e con una copertina firmata da Mario Convertino essenziale e iconica, escono l’8 marzo 1978 in un momento sociale di tensioni fortissime e in cui la speranza, la voglia di cambiamento sono enormi.
È la stessa necessità che vive il trentenne che ha appena lasciato alle spalle la casa-madre artistica, la RCA, ed è alla ricerca di un suono e di temi che gli diano un nuovo slancio. Antonello prende ispirazione dall’Italia che vede intorno a lui. E’ un disco personale e generazionale insieme.
«È stata la mia svolta musicale, poetica. Il mio disco più importante, in cui c’erano tutti i miei temi: la politica e i suoi riflessi sulle persone (Sotto il Segno dei Pesci), la comunicazione (Il Telegiornale), il viaggio dentro e fuor di metafora di Bomba O Non Bomba, la droga (Chen il Cinese), la tenerezza per Sara (che non si è mai sposata, ma ha avuto tre figli…), l’amicizia con De Gregori (Scusa Francesco). In fondo, sono temi ancora attuali.
Suonare a 40 anni di distanza l’album per intero, cosa che non ho mai fatto, ha un significato speciale per me. Per l’occasione ho chiamato anche i musicisti di allora. Lo inserirò al centro di 45 anni di canzoni e condividerò il palco con alcuni ospiti» afferma Antonello Venditti.
Nato a Roma, Antonello Venditti è uno dei cantautori italiani più amati dal pubblico che dal 1972, anno del suo debutto discografico, ha condensato nel suo repertorio canzoni d’amore e d’impegno sociale. I successi si susseguono uno dietro l’altro: da „Roma“, una dichiarazione d’amore alla sua città a „In questo mondo di ladri“, da „Benvenuti in paradiso“ a „Prendilo tu questo frutto amaro“, da „Antonello nel paese delle meraviglie“ a „Ho fatto un sogno (e l’ho chiamato Roma)“, inno composto insieme ad Ennio Morricone. Nel 1999 arriva un nuovo album di studio, „Goodbye Novecento“, mentre nel 2000 e nel 2001 escono rispettivamente la raccolta „Se l’amore è amore“. Del 2003 è „Che fantastica storia è la vita“, a cui seguono „Dalla pelle al cuore“ e l’ultimo „Unica“.

„In Bomba o non bomba del 1978 ho previsto tutto: anche l’arrivo di Matteo Renzi“ 
Antonello Venditti ha scelto l’Arena di Verona, ieri sera, per festeggiare i 40 anni dalla pubblicazione di Sotto il segno dei pesci, uscito l’8 marzo del 1978
„Ho sognato molto questa serata, ed è più bello di quanto potessi immaginare“. Antonello Venditti ha scelto l’Arena di Verona, ieri sera, per festeggiare i 40 anni dalla pubblicazione di Sotto il segno dei pesci, uscito l’8 marzo del 1978, in un momento storico di forti tensioni, ma che allo stesso tempo esprimeva una grande voglia di cambiamento.
„E‘ stato il mio disco più importante, quello in cui c’erano tutti i miei temi: la politica, l’amore, la droga. Un disco che è ancora attuale e che evidenzia anche doti di profezia. Bomba o non bomba, ad esempio, è la fotografia di Matteo Renzi“, spiega il cantautore romano, citando il verso: „A Firenze dormimmo e un intellettuale, la faccia giusta e tutto quanto il resto, ci disse ‚No, compagni, amici, io disapprovo il passo, manca l’analisi e poi non c’ho l’elmetto“.
Un concerto „drammaticamente imperfetto“, come lo ha definito lui stesso, tra problemi tecnici, collegamenti tv (con Che Tempo Che Fa e Totti in studio) difficili da gestire, scalette tagliate e modificate in corso d’opera (5 i brani saltati, tra cui il gran finale di Grazie Roma) per tentare di rimettere in riga uno show durato oltre 3 ore e mezzo, tra musica e parole (tante) e durante il quale, ospiti d’onore, sono arrivati a duettare con lui anche Francesco De Gregori ed Ermal Meta. „La pace con De Gregori? In realtà, non è mai successo niente. Sono gli altri che avevano bisogno di contrapporci, come con Bartali e Coppi, come con i Beatles e i Rolling Stones“.
Prossimo appuntamento con la festa di Sotto il segno dei Pesci a Roma il 21 e 22 dicembre, in attesa di un nuovo disco per la fine del 2019.